ALLENARE I PETTORALI (parte 3)
+39 375 644 0807 Contattaci per parlare con i nostri esperti orari: dal lunedi al venerdì dalle ore 17:00 - 19:00

ALLENARE I PETTORALI (parte 3)

ALLENARE I PETTORALI (parte 3)

ALLENARE I PETTORALI (parte 3 e ultima)

 

APERTURE CON MANUBRI
Anche in questo esercizio suggerisco di tirare indietro le spalle, inarcare la gabbia toracica e alzare lo sterno, sempre adducendo le scapole.
Provandolo vi renderete conto che a differenza che con le distensioni qui le scapole nella fase concentrica si abdurranno (purtroppo) più facilmente, ma comunque nel momento della discesa potete tornare subito ad addurle e ricominciare il movimento.
Iniziare il movimento con i manubri al disopra del petto e i palmi delle mani che "si guardano".
Abbassare i manubri secondo una traiettoria che va indietro in modo che le mani finiscano più o meno al di sotto delle orecchie.
Nella risalita chiudere all'altezza degli occhi.

Ci sono principalmente 2 tecniche da menzionare e scegliere di eseguire a seconda di quale zona del petto vogliamo coinvolgere.
1) Alcune linee guida definiscono un maggior coinvolgimento dell'interno del pettorale quando si eseguono le aperture ruotando i polsi nella concentrica come se volessimo far toccare i gomiti l'un l'altro ma SENZA FAR TOCCARE I MANUBRI!
(quando nella fase finale della concentrica molti chiudono fino a far urtare i 2 manubri non solo "spezzano" la contrazione ma spinti dall'urto perdono anche una fase importantissima dell'eccentrica!)
2) Per coinvolgere maggiormente la parte esterna del petto consiglio di bloccare il movimento nella fase concentrica a 30-40 cm dal punto di chiusura completa eseguendo quindi solo la parte più bassa e intermedia dell'apertura.

SOLLEVAMENTO ALLE PARALLELE
In questo esercizio entrano in sinergia (tra tanti muscoli) in maniera predominante i tricipiti. Per cercare di "limitare" il loro coinvolgimento e lavorare più di petto, è opportuno nella fase finale della concentrica non distendere completamente le braccia, ma arrivare alla posizione finale col braccio leggermente flesso.
Durante la discesa invece si scenderà giù il più possibile per permettere un stiramento (MASSIMA ESTENSIONE ricordate?) completo del muscolo pettorale.
La posizione da tenere è: piegati in avanti cercando di tenere i gomiti aperti adottando una presa larga e portando il petto in avanti verso l'alto.

CONDIVIDI POST:

Commenta